Ciao mondo!!

Pubblicato: 4 gennaio 2011 in Senza categoria

Welcome to WordPress.com. This is your first post. Edit or delete it and start blogging!

 
 
 
 
 
"Povera patria! Schiacciata dagli abusi del potere
di gente infame, che non sa cos’è il pudore,
si credono potenti e gli va bene quello che fanno;
e tutto gli appartiene.
Tra i governanti, quanti perfetti e inutili buffoni!
Questo paese è devastato dal dolore…
ma non vi danno un po’ di dispiacere
quei corpi in terra senza più calore?
Non cambierà, non cambierà
no cambierà, forse cambierà.
Ma come scusare le iene negli stadi e quelle dei giornali?
Nel fango affonda lo stivale dei maiali.
Me ne vergogno un poco, e mi fa male
vedere un uomo come un animale.
Non cambierà, non cambierà
si che cambierà, vedrai che cambierà.
Voglio sperare che il mondo torni a quote più normali
che possa contemplare il cielo e i fiori,
che non si parli più di dittature
se avremo ancora un po’ da vivere…
La primavera intanto tarda ad arrivare. "
Franco Battiato.

Ciao carissimi

Pubblicato: 29 aprile 2007 in Senza categoria
Ma quanti messaggi  vedo che vi siete preoccupati…beh,ad agosto dello scorso anno mi sono trasferita in campagna e da allora fino a oggi purtroppo non ho più visto un monitor di pc.Mi sto collegando con un cellulare ma non accetta il log-in del blog quindi non ho potuto nè scrivere nè rispondere qui per tutto questo tempo,però entro a leggere spesso.Ultimamente scrivo su diversi forum(si,maurè,anche quello della valle )dato che almeno in quelli il telefono mi fà fare il log-in, se volete potete iscrivervi qui http://www.aaamici.it e contattarmi in privato,unica cosa, fatevi riconoscere.Mi spiace non avere più tempo per postare qualcosa di serio,ma mi impegnerò la prossima volta…sperando non passi nuovamente mezzo anno alla prossima connessione! Per ora UN BACIONE GRANDE a tutti-Barbarina korakhane’

Libano news

Pubblicato: 28 luglio 2006 in no war
Beh ciao a tutti gentaglia…quante poche visite ultimamente che mi fate!!  Tutti in vacanza eh?!?  Maledetti! Come vi invido!! Comunque stasera posto un’altro paragrafo del capitolo 1…per ora beccatevi qualche feroce protesta contro la guerra degli Israeliani in Libano …mi pare doveroso dissentire da simili atrocità…un bacio e un ustione a tutti i vacanzieri  
 
 
L’apertura del secondo fronte in Libano non frena Israele, che continua a stringere d’assedio Gaza. Secondo il ministero della Sanità palestinese Israele ha usato armi non convenzionali contro la popolazione: si tratta di materiale esplosivo contenente sostanze tossiche o radioattive…" [leggi]
 
 
La strage politica
Quattro osservatori dell’Unifil sono stati uccisi da un ordigno sganciato da un aereo militare israeliano che ha centrato in pieno una postazione della "forza di interposizione" dell’Onu: la settimana scorsa è stato colpito un osservatore italiano. Il nostro esercito al momento è solo un’entità che osserva…" [leggi]

 
 La guerra d’Israele e i crimini contro bambini
La strage di innocenti, siglata e firmata dalla Stella di David continua imperterrita e senza alcun impedimento occidentale e soprattutto sotto la cappa vergognosa di silenzio mediatico. In Libano, oltre 300 morti civili tra cui donne e bambini, sono stati seppelliti da tonnellate… [leggi]
 
 
Libano 2006: il peggiore dei deja vu

Se non intervenisse l’informazione di regime a rimescolare le carte – perché hanno la coda di paglia – sarebbe addirittura noioso commentare la guerra in Libano: potremmo cercare articoli di vent’anni fa che narravano di Beirut, cambiare qualche nome e ripubblicarli.
Invece la protervia infinita di chi non rinuncia a gettare sabbia negli occhi per celare una verità che è lampante stimola, e torna la voglia di scrivere.
Anzitutto l’uso delle parole, che non è casuale.

Tutta la crisi sembrerebbe nata dal rapimento di tre soldati israeliani, uno a Gaza e gli altri due sul confine libanese, ma da quando mondo è mondo i soldati non si rapiscono, si catturano.

 

 

72 risoluzioni dell’Onu di condanna a Israele – Nessun ispettore, nessuna guerra per farle rispettare

 

Principali risoluzioni dell’Onu che esprimono condanna all’operato di Israele. Le risoluzioni sono citate per numero e data, se ne indicano inoltre degli estratti che ne illustrano il contenuto.Ricordo che le risoluzioni dell’Onu sono sempre state ignorate da tutti i Governi Israeliani. (leggi)

 

 

E per finire beccatevi le foto terribili dei bambini oggi costretti a vivere e morire in Libano grazie agli Israeliani…ma vi avverto…sono immagini molto forti

foto

 
Pace!!!!! 
 
 

Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

La prima mèta, la mia città,dove vivevano i miei. L’appuntamento era in piazza, zaini e strumenti io spalla. Eravamo in sette e opportunamente attrezzati, tamburi, chitarre, sacchi a pelo, spazzolini…lo stretto necessario per vivere, stando leggeri. Io ero euforica, c’era anche lui, volevo arrivare al suo cuore e questo viaggio forse era un’opportunità. In fondo, le volte che gli avevo parlato, aveva ammesso di essere fisicamente attratto da me,e che era lusingato dalle mie attenzioni, ma, non conoscendomi per niente, non sentiva un sentimento tanto profondo. Ora potevamo conoscerci meglio!
Per fortuna con noi c’era anche Yan, un giramondo tedesco, molto religioso (aveva passato un periodo anche in un monastero in Sicilia) e tanto gentile d’animo. Lui al momento era l’unico elemento di congiunzione tra me e il mio "amato"…mi era stato vicino in tanti momenti di scoraggiamento, in piazza, era sempre stato un interlocutore sensibile e sincero, sia con me, sia con "lui". Aveva parlato anche con lui, in piena sincerità e con il giusto tatto: "Perchè rifiutare l’amore di una persona, offerto con sincero sentimento? L’amore non può essere calcolato, lesinato, non si può essere avari in amore, perchè l’unico risultato è perdere un’immensa ricchezza. L’altro ti dona il suo spirito, se tu aprissi il tuo, non potrai che arricchirti.E crescere."
In effeti il mio sentimento, anche se "acerbo", era nato spontaneo, profondo….il colpo di fulmine? Beh non lo so, però sicuramente la sua presenza mi rendeva diversa, legera allegra. Ammiravo profondamente la sua grande bontà, la sua generosità d’animo… la sua arte, la musica, le poesie, la semplicità di vivere, i viaggi, i racconti…sprigionava ( e mi contagiava) una grande passione nella vita e nei sentimenti più puri ed elevati.E mi attirava come una calamita attira un piccolo chiodo. In effetti questo non poteva essere un particolare trascurabile, da parte sua.
Durante il viaggio in treno non l’ho mollato un attimo, nonostante la timidezza che le mie attenzioni creavano in lui. Sembravo una scema, senza alcun dubbio, un pò come tutte le persone "innamorate", ma non mi mettevo il problema, perchè mi sentivo troppo felice.
Arrivati a destinazione, la città dove son nata e cresciuta, ci avviamo verso la piazza, il cuore del carnevaleChiaramente là era il caos, maschere impazzite, scherzi, musica e … un mare di gente.Quale posto migliore per dare uno spettacolino? Ci sistemiamo e iniziamo a suonare (o meglio, iniziano, visto che io non sapevo affatto suonare)e a fare "spettacolo" . Marat faceva il mangiafuoco, è incredibile, almeno per me, pensare di mettersi il petrolio in bocca e sputarlo verso una torcia infiocata, e in effetti è un numero che suscita sempre un certo interese sulla gente. Piano piano, nelle mie avventure, incontrerò fachiri e mangiafuoco molto più bravi di Marat, ma delle fiammate lunghe come le faceva lui non le ho viste tante volte. Io me ne stavo accanto a loro, a godermi lo spettacolo in prima fila. In altre occasioni avevo fatto il <cappello> (ossia quel personaggio che con un cappello o una ciotolina chiede un’offerta al pubblico dopo o durante uno spettacolo)…ma lì ero in casa mia, mi conoscevano tutti e tutti erano ignari delle mie nuove gesta, questa vita provoca dubbi e pena nella gente "comune", non potevo fare spaventare i miei genitori, dovevo prima parlare con loro…e spiegargli un pò di cose…Dovevo andare a casa mia, anche a dormire, non potevo restare con gli altri finchè non risolvevo questo piccolo problema. E così, mentre rimugino sul da farsi, mi balena una delle mie "brillanti" idee. Le mie "brillanti" idee, per intenderci, che funzionino o meno, sono sempre un pò "pericolose".
In cima al palazzo dove vivono i miei, ci sono una serie di mansarde, quasi tutte disabitate e dimenticate, una di queste in particolare era il posto dove io, da bambina e anche da grande, trovavo rifugio nei momenti in cui desideravo stare sola. E’ una stanzetta dal tetto basso (eh, una mansarda!) completamente spoglia e con delle finestrelle nel lato della parete più bassa, da cui entrano una luce e un tepore incredibili.Il sole sui posti alti sembra che batta più forte. Ho proposto agli altri di dormire là, e hanno accettato la cosa con entusiasmo, visto che il tempo minaccia di tirarci in testa tanta acqua. Così, dopo la colletta, li guido verso il palazzo. Prima di farli entrare tutti, vado in avanscoperta sulle prime scale, da cui si vedono tutti i pianerottoli…via, tutti su, nel massimo silenzio possibile.
La sera mi trattengo lassù con loro prima di scendere al piano di sotto, a casa mia. Avevamo acceso delle candele e qualche incenso e, tra le chiacchere e le risa trattenute, presero subito la scena i racconti. I racconti dei viaggi, quelli che mi portano ogni volta lontano, Sicilia, Napoli, Roma, Spagna….ho sempre desiderato di andare in Spagna. Mi ricordo che da bambina, in quinta elementare, quando passarono il modulo per la scelta della scuola, nella sezione <Lingue> c’erano due opzioni: Inglese o Francese, e , a lato una riga con scritto "Altro (specificare)". Senza troppi dubbi io scrissi subito SPAGNOLO con la mia srittura da quinta elementare. Mia madre lo cancellò, e contrassegnò la casella "Inglese". Io allora al momento di dare il modulo alla maestra, con la mia innata prepotenza, lo riscrissi nuovamente, a lato, e consegnai il modulo.Ma nessuna scuola media della mia città insegnava lo spagnolo, così tutto rimase solo su un modulo. Mi capitava spesso anche di sognare persone che mi parlavano in spagnolo, nonostante le uniche parole che conoscessi di spagnolo fossero i giorni della settimana, che nel calendario di casa erano in diverse lingue. Quando iniziarono ad interessarmi le teorie sulla reincarnazione, pensai che in qualche mia reincarnazione precedente dovevo essere vissuta in spagna,e che forse qualcosa di quella passata vita era rimasto forte nella mia anima, tanto da chiamarmi anche nella mia vita attuale,durante lo stato incosciente del sogno. Ora che racontavano del viaggio in Spagna io ero letteralmente rapita: entravo nelle situazioni, visualizzavo nella mente luoghi, suoni odori…e la mia voglia di vedere la Spagna cresceva e cresceva….
Oltretutto il mio "chiodo fisso" (lui) si faceva sempre più martellante…lo volevo tutto per me!!! Ma finchè cìerano gli altri svegli non avrei mai trovato il modo. Per fortuna tutti erano esausti, e dopo poco, crollarono, uno dopo l’altro.Era il momento atteso…insomma, non sono riuscita tanto a resistere e gli sono saltata addosso. E lui non si è tirato indietro, con mia grande sorpresa. Ogni tanto sentivamo Rania parlare nel sonno, qualcuno russava, ma niente ci distolse dalla passione che ci aveva preso. Abbiamo fatto l’amore come mai nessuno dei due aveva neanche sognato, era come un mantra che ci ha portato fuori dai nostri corpi e fuso le noste anime, eravamo in silenzio ma i nostri cuori urlavano. Il sentimento che per tanto tempo era dovuto rimanere in trepidante attesa nel mio cuore, si era finalmente liberato e donato. Forse è questo che lo ha colpito.Sentire quell’unione tanto forte, quel terremoto che a me turbava da tempo,quell’energia, gli ha fatto mettere da parte tutte le riserve nei miei confronti. Sentì allora che voleva stare con me, disse che se eravamo capaci di tanta passione, di creare una tale energia, quando facevamo l’amore, dovevamo esserne capaci ance nella vita di tutti i giorni…poteva esserci qualcosa di grande tra noi due.
Così la prima notte non andai a dormire a casa, forse mio padre e mia madre non avevano neanche saputo che ero là, ma in fondo poi che importava? In quel momento ero con lui, questo sì che era importante.

Fatti e strafatti

Pubblicato: 2 luglio 2006 in Rassegna stampa

"L’altro" Iraq

Quando si dice covarsi una serpe in seno. La coalizione di centro

sinistra, dopo aver portato in Parlamento le sensibilità politiche più

disparate, sembrava aver trovato un punto di accordo riguardo al

problema iracheno. Certo era un grosso problema, politico e di

immagine. Adesso però la medesima questione si pone di nuovo con

un’altra missione all’estero, quella in Afghanistan. …continua


Appello al dibattito sulla missione in Afganistan di Franca Rame

Sto vivendo il periodo più angosciante della mia vita. Mi trovo a

ricoprire una carica che richiede grande correttezza e responsabilità.

Il Parlamento sarà chiamato verso metà luglio a votare il decreto sul

rifinanziamento della missione militare in Afghanistan.Come si deve comportare una persona che è da sempre contro tutte le

guerre, la violenza, le stragi di vittime innocenti… la disperazione,

la morte? E’ giusto dire “SI” come chiede il governo, o è giusto dire

“NO” come hanno deciso di fare gli 8 senatori? Da giorni sto

rileggendomi quanto scritto da persone che stimo come Gino Strada,

Dinucci del Manifesto, mio figlio Jacopo e altri, scoprendo avvenimenti

che mi hanno turbata non poco…continua

Uranio impoverito

“L’uranio impoverito continua a

uccidere silenziosamente i reduci dalle ultime guerre americane e della

Nato così come i civili nelle zone colpite, fa nascere mostri

raccapriccianti come extraterrestri, sotto forma di pulviscolo bussa in

Europa a esigere il suo prezzo di morte”.
È quanto rivela «La

Stampa», che parla di un drammatico e sconvolgente rapporto del 2001:

“Quando tornai a Bassora – ha raccontato al giornale Robert Fisk

dell’Independent – trovai molta gente malata di cancro. Nascevano

bambini senza braccia, senza naso, senza occhi. I neonati soffrivano di

emorragie interne o sviluppavano grotteschi tumori”.


L’amministrazione Bush s’identifica con la Giustizia divina

George W. Bush in forma privata e il segretario di Stato

Condoleezza Rice in veste ufficiale hanno partecipato alla Convention

annuale dei battisti del Sud. Essi hanno spiegato a 18 000 « messaggeri

di Dio » come governano per diffondere la Giustizia divina sulla Terra

nell’imminenza della fine dei Tempi.
Il 13 e 14 giugno

2006, a Greensboro (Carolina del Nord), erano oltre 18.000 i «

messaggeri di Dio » a partecipare alla Convention annuale della Chiesa

dei battisti del Sud. Si è trattato di uno degli avvenimenti più

importanti della vita politica e sociale negli Stati Uniti, nella

misura in cui questa denominazione è il principale serbatoio elettorale

del presidente George W. Bush. I discorsi che vi sono stati pronunciati

non devono essere presi per aneddoti folkloristici. Essi non hanno

niente di tradizionale nella storia degli Stati Uniti, anche se …continua


Fattaccio a La Maddalena

(L’intervistato è stato aggredito l’altra sera, pestato

di brutto e ha ripreso i sensi in ospedale. Chi gli stava intorno è

stato già minacciato con "la prossima sei tu")Il

posto è la Maddalena, una perla di isola invidiata da tutti, all’Unesco

si parlava di rendere il posto patrimonio dell’umanità. Il protagonista

della storia si chiama Andrea, per gli amici è Indios, ama la sua terra

come un indiano difendeva la propria. Definisce il suo territorio "la

riserva". Il fatto è la lotta per un diritto inviolabile: l’acqua. ….continua


Festeggiare la propria e l’altrui morte

Ho visto bambini con la testa triangolare, segregati nella casa dei

propri cari. Ho parlato con Madri che hanno perso i propri figli,

soprattutto per leucemie o patologie similari. Ho “sentito” la paura

tramutata in diffidenza anche verso i propri conterranei, causata da

vigliacche “pressioni”. Non ero giovane allora, parlo di 20 giorni fa.

Le

servitù militari in Sardegna sono, tra tutti i problemi che l’Isola

contiene, i più violenti ed umilianti per il Popolo Sardo. Almeno per

quella parte che merita di identificarsi in questa definizione.
…continua

Che cosa gli eserciti sparano in Sardegna

La denuncia del Presidente della Regione davanti

alla Commissione parlamentare d’inchiesta sull’uso di uranio impoverito

nelle esercitazioni militari. …continua


Staminali:

cardinale Trujillo, scomunica per ricerca su embrionali
Scomunica per chi abortisce,
o è complice,e per tutti

coloro che sono implicati nella ricerca sulle cellule staminali embrionali.

l cardinale Trujillo,

presidente del Pontificio consiglio per la famiglia, viene intervistato da

Famiglia cristiana in vista dell’incontro mondiale delle famiglie, che

comincerà a Valencia il primo luglio e al quale l’8 e il 9 parteciperà anche

il Papa.

…continua

Asteroide colpisce la norvegia

Una massiccia ondata di

meteoriti colpisce la Norvegia con una forza di una bomba atomica,

mentre la Scozia subisce un terremoto.

Gli scienziati di

tutto il mondo sono meravigliati delle notizie che una nazione Europea,

la Norvegia, è stata recentemente colpita da un’asteroide di una forza

parificabile a quella di una bomba atomica, come possiamo riportare dal

“Norway’s Aftenpolten News Service” nel suo articolo intitolato “una

meteorite record colpisce la Norvegia”, di cui si dice: …continua













UN GIUSTO APPELLO

Pubblicato: 11 giugno 2006 in Passati sotto silenzio

Dal 2003 esiste in rete un appello internazionale che punta alla Citazione in giudizio Per Genocidio E altri crimini contro l’Umanità Perpetrati in rapporto con Il "business farmaceutico della malattia" E con la recente guerra all’Iraq pubblicato in italiano dal sito La Leva Di Archimede
Credo sia un’iniziativa degna di attenzione e di seguito, visto anche i recenti sviluppi di tale ignobile guerra, e i continui crimini e abusi perpetrati dagli Americani e i loro colleghi della guerra.
Potete leggere il testo integrale della petizione ( i capi d’acusa, precedenti storici, le prove, ecc.) qui .
E vorrei chiedere a tutti gli amici, e amici di amici e conoscenti…chiunque… fate girare, può sembrare un’utopia, ma se tante voci si uniscono, il rumore sarà tanto, e non potranno continuare a far finta di non sentire.
Grazie a tutti.
Baci, Barbarina

P.S. se non siete sicuri di voler firmare l’appello, o avete qualche tentennamento (tipo : "ma mandare un fax, è una cosa lunga, poi magari è solo tempo perso…" e pensieri simili) allora guardate qualche foto agghiacciante davvero sugli effetti dell’uranio impoverito in Afghanistan :

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=2145

e qualcuna anche sull’uso dell’uranio in iraq :

http://www.xs4all.nl/~stgvisie/VISIE/extremedeformities.html

sfido chiunque a non provare almeno un poco di risentimento.

grazie a "casa di leo"